di Marianna Morante

In un libro il racconto di una grazia particolare avvenuta per intercessione di Padre Pio. A raccontarcela sarà il prossimo 15 giugno nell’Aula liturgica di Piana Romana, l’Ambasciatore della Repubblica del Costa Rica presso la Santa Sede, Fernando Felipe Sanchez Campos, che lo scorso anno è stato in visita con la sua famiglia a Pietrelcina.

Accolto dalla fraternità cappuccina, l’Ambasciatore, con la moglie e i due figlioletti, è stato ricevuto nel palazzo Comunale e accompagnato dal Sindaco, Domenico Masone, nella visita ai luoghi di Padre Pio. Nonostante la presenza delle cariche istituzionali, la giornata della famiglia Campos è stata all’insegna della semplicità e letizia francescane. Anche il pranzo è stato consumato parcamente nel refettorio del Convento dei frati, come nel tradizionale stile fraterno. Uomo dalla profonda fede, Campos è devoto del Santo delle stimmate. Alla intercessione di Padre Pio deve la guarigione del figlio. La sua storia parte da lontano. Cresciuto in una famiglia cattolica, la conoscenza di Padre Pio è avvenuta pian piano. La cosa strana – racconta l’Ambasciatore Campos – è che io ho sognato Padre Pio senza conoscerlo. Nel sogno c’era un frate cappuccino che mi diceva: “hai buona fede”. Ho raccontato la cosa a un sacerdote salesiano e mi ha mostrato un santino e lì ho riconosciuto in Padre Pio quel frate che avevo visto in sogno. Il sacerdote mi ha detto: “stai attento perché se Padre Pio viene da te c’è un motivo, vuole che tu diventi suo figlio spirituale”. Mi ha regalato poi un libro, una biografia di Padre Pio che io portavo sempre con me ma senza leggerla. Comunque, tranne questo primo approccio, non ho più pensato a Padre Pio. È passato del tempo. Un giorno vengo in Italia e un mio amico mi consiglia di andare a visitare San Giovanni Rotondo, ma l’itinerario del viaggio era già fatto e non si poteva cambiare. Sembrava che Padre Pio mi chiamasse ma non riuscivamo a incontrarci. Torno in Costa Rica e qualche tempo dopo mia moglie mi dà la lieta notizia che era incinta del nostro primo figlio. Eravamo felicissimi e decidemmo di andare in una chiesa per chiedere una benedizione affinchè la gravidanza andasse bene. La chiesa era vicino casa ma non eravamo mai stati lì. Entriamo e il sacerdote che ci accoglie dice: “Venite facciamo la benedizione davanti all’immagine di Padre Pio”. E di nuovo questo Santo entra nella mia vita.

La gioia di avere presto un figlio, la contentezza di poter diventare genitori, non coincideva con i problemi che, invece, avevo sul lavoro. Ero professore universitario e deputato all’assemblea legislativa. Un momento complicato perché c’erano tante leggi in discussione in parlamento contro la vita, contro la famiglia, e io ero palesemente contrario. Ho fatto tutto quanto ho potuto per far valere i miei principi. Sono stato sostenuto da alcuni amici ma anche osteggiato da tanti nemici. Il lavoro mi teneva molto occupato, e in tutto questo caos politico la gravidanza di mia moglie era arrivata senza problemi all’ottavo mese. Andiamo a fare una normale visita di controllo e il medico riscontra una grave anomalia funzionale e ci prescrive il ricovero immediato e la nascita prematura. Corriamo subito in ospedale e lo specialista in cardiologia emette la sua diagnosi. Il bambino era affetto da flutter auricolare di alta frequenza cioè una tachicardia molto forte che in caso di un adulto porta alla morte immediata, invece, in un neonato potrebbe anche risolversi alla nascita. Ma questo non accadde. Il bambino è posto in incubatrice. Provano l’elettroshock su quell’esile corpicino per ben 5 volte. Ma non si riprende. Lo mettono in terapia intensiva 8 giorni. Nel frattempo mia moglie si sente molto male. All’inizio si pensava allo choc per il parto improvviso, invece il problema è serio. Le riscontrano una perdita della funzionalità renale dell’80% e viene messa anche lei in terapia intensiva per una settimana.

Dopo 8 giorni, è il 23 settembre, data della morte di San Pio. Non c’erano più speranze. A me era rimasta un’unica preghiera che feci con il cuore a pezzi: “Signore io non posso fare nulla per salvarli, affido a te mio figlio e mia moglie fai di loro quello che vuoi”. È stato il momento più difficile della mia vita. A mezzanotte ricevo la chiamata dal reparto di terapia intensiva neonatale. Mi dicono di recarmi lì perchè c’è un sacerdote. Ho pensato che fosse ormai finito tutto. Se hanno chiamato un sacerdote a mezzanotte voleva dire solo una cosa. Vado subito e ritrovo lo stesso sacerdote che aveva benedetto la pancia di mia moglie con l’immagine di Padre Pio. Aveva finito di celebrare la Santa Messa per l’anniversario della morte di Padre Pio e aveva sentito la necessità di venire in ospedale con una reliquia del Santo. Ho pregato insieme con lui e poi siamo andati anche da mia moglie. Mi sentivo stranamente più rasserenato. Alle 4 della notte mi chiama di nuovo il medico del reparto di terapia intensiva dove è ricoverato mio figlio: “Devi venire subito”. Vado e mi dice: “Non so cosa sia successo stanotte. È tutto normale. I registri cardiaci sono tornati a battere regolarmente. Non ti so spiegare come possa essere avvenuto questo, ma tuo figlio è salvo”. Allora gli ho raccontato ciò che era accaduto qualche ore prima, del sacerdote, delle preghiere e di Padre Pio. Il medico, che era cattolico, ha incominciato a piangere e mi ha detto: “Ora capisco. Solo questo poteva essere. Non c’è un’altra spiegazione, perché noi non potevamo fare più niente”. Nello stesso tempo anche mia moglie pian piano ha recuperato la totale funzionalità del rene. Una cosa impressionante. Dopo questo momento di gioia siamo venuto in Italia per ringraziare. Siamo stati a San Giovanni Rotondo dove abbiamo conosciuto fr. Carlos M. Laborde e ovviamente in udienza da Papa Benedetto XVI. Dopo le presentazioni ufficiali, ho chiesto a Sua Santità se potevo parlargli privatamente e gli ho raccontato la nostra storia. Il Papa ha ascoltato e mi ha detto: “Padre Pio fa queste cose meravigliose con la gente. Andiamo, fammi conoscere il bimbo del miracolo”.

Questa toccante storia di fede e di amore che l’Ambasciatore ci aveva narrato timidamente in quella occasione, sollecitato a scriverla per condividere con tutti i devoti di Padre Pio le meraviglie operate dal Signore, potremmo riascoltarla nella presentazione del suo libro “Nasce un figlio spirituale” sabato 15 giugno nella contrada pietrelcinese di Piana Romana, luogo delle prime stimmate di San Pio.

5 4 3 2

Close
Clicca "Mi piace"
alla nostra pagina Facebook